L’Agenzia delle Entrate ha aggiornato la guida alle detrazioni fiscali per i lavori di riqualificazione energetica, i cosiddetti Ecobonus.

La legge di bilancio 2017 ha prorogato al 31 dicembre 2017 la detrazione fiscale del 65% dall’Irpef e dall’Ires per gli interventi di efficientamento energetico degli edifici. La detrazione del 65% è riconosciuta anche in caso di acquisto e posa di:

  • Schermature solari fino a un valore massimo della detrazione di 60.000 euro, con marcatura CE, se prevista e con specifiche caratteristiche: protezione di una superficie vetrata; applicazione in modo solidale con l’involucro edilizio e non liberamente montabili e smontabili dall’utente; applicazione all’interno, all’esterno o integrate rispetto alla superficie vetrata; in combinazione con vetrate o autonome, mobili e tecniche.
  • Impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, fino a un valore massimo della detrazione di 30.000 euro.
  • Dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento o produzione di acqua calda o di climatizzazione delle unità abitative, volti ad aumentare la consapevolezza dei consumi energetici da parte degli utenti e a garantire un funzionamento efficiente degli impianti

Dal 1° gennaio 2018 l’agevolazione sarà sostituita con la detrazione del 36% per le spese relative alle ristrutturazioni edilizie. È stata invece prorogata al 31 dicembre 2021 la detrazione del 70% o del 75% per gli interventi sulle parti comuni degli edifici condominiali e per quelli effettuati su tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio.

Guida alle Agevolazioni Fiscali dell’Agenzia delle Entrate.